La voglio

21 ottobre 2011

La voglio. Una penna. Voglio una penna fluente, liscia e scorrevole. La voglio lucente, trasparente, essenziale.
Voglio una penna perfetta, che non sa fermarsi, che non si stanchi mai di me. Voglio una penna infaticabile, inesauribile. Voglio la penna che mi segua,una penna immortale. Una penna che scriva tutte le parole di tutti i miei giorni della mia vita.
Un penna con un ’inchiostro denso, pieno, un inchiostro che non si sciolga al caldo dell’estate e che non si congeli al freddo dell’inverno.
Una penna che scivoli sul foglio, che non crei sbavature e che lasci un segno limpido, preciso, brillante.
Voglio la penna che non ostacola, che non s’inceppa, che non mi lasci mai in panne, con parole a metà.
Questa penna io la voglio. La pen a, ma c sa st suc ed en o, l’inchi s r s st es u end .

A uto,  l  ia p nna no   s r ve   p


Luoghi dell’anima

11 ottobre 2011

Il luogo dell’anima è il cortile dove ad andare in bicicletta abbiamo imparato e nel giardino le buche abbiamo scavato.

Il luogo dell’anima è il sentiero di montagna dove il panorama abbiamo ammirato e i pensieri ci hanno accompagnato.

Il luogo dell’anima è la piazza dove le bancarelle abbiamo sbirciato e le campane della Chiesa abbiamo ascoltato.

Il luogo dell’anima è la casa dove abbiamo riposato, dove il tetto ci ha riparato e la minestra calda abbiamo assaporato.

Il luogo dell’anima è la strada dove con l’auto abbiamo sfrecciato e lunghe code ci hanno ritardato.

Il luogo dell’anima è il mare dove la sua brezza abbiamo respirato e le sue acque ci hanno rilassato.

Il luogo dell’anima è la scuola dove l’alfabeto abbiamo imparato, i banchi abbiamo sporcato e la maestra ci ha sgridato.

Il luogo dell’anima è anche questo blog dove interessanti conversazioni ho avuto e amici nuovi ho conosciuto. 🙂