E tu … come mangi la pizza?

In pizzeria, con amici, chiacchero con un amico laureato in psicologia.

Amico psicologo:Roberto – (che è l’amico a fianco che sta mangiando la pizza) – deve essere uno che sa conquistare la sua preda, parte dal fondo e poi pian piano accerchia la sua vittima. Forse è così che ha conquistato sua moglie …”

Io:Ah sì. Ma come l’hai capito?

Amico psicologo:Guarda come mangia la pizza: parte dai bordi e poi, pian piano, arriva in centro fino alla parte più buona della pizza.”

Io: “E’ vero. L’ho notato anch’io!”

Amico psicologo: Tua moglie invece, da come mangia la pizza, deve essere una persona ordinate, precisa …”

Io: “E’ vero! Taglia con precisione le fette e ti posso confermare che è anche un po’ così, ordinata, precisa e aggiungo pignola. Ma dimmi …. io come sono?”

Amico psicologo: Tu, al contrario, non fai dei tagli regolari e sei anche frettoloso. Sei una persona ansiosa”.

Rimango basito e gli confermo che è proprio così.

Non sapevo che i psicologi possono capire i nostri caratteri da come mangiamo la pizza! 🙂

Annunci

26 Responses to E tu … come mangi la pizza?

  1. Captain's Charisma ha detto:

    beh, ma mangiando la pizza come il primo che hai descritto, si rischia di mangiarne il pezzo migliore (il centro) quando ormai è freddo…io faccio proprio al contrario 😉

  2. Gianluca ha detto:

    @Captain’s Charisma: posso provare ad “esaminarti”? Tu sei uno che vai subito al sodo, sei determinato. Ho indovinato? 🙂

  3. Filosoffessa ha detto:

    Che dice il tuo amico se taglio la pizza a spicchi e me li mangio con le mani? 🙂
    Ciao, Laura

  4. pdptlp ha detto:

    Peccato che a psicologia non t’insegnino queste cose 🙄

  5. Gianluca ha detto:

    @Filosoffessa: glielo provo a chiedere! 🙂

    @pdptlp: anche se è vero quel che è successo, poi il psicologo mi ha confermato che non esiste nessun insegnamento in psicologia, si tratta solo di “deformazione professionale”.

  6. Andrea Opletal ha detto:

    io taglio e mangio … come viene viene !!!!

  7. Gianluca ha detto:

    @Andrea Opletal: tagli degli spicchietti o dei quadratini, mangi avidamente o con calma. Prova ad osservare se ci sono differenze! 🙂

  8. pdptlp ha detto:

    E’ la maledizione degli psicologi 🙄
    Le altre persone credono che siano onniscienti, che ti analizzino per filo e per segno 😀 , ma non c’è niente di più falso.
    Ciao ciao 😆

  9. roselia ha detto:

    mhmh….io parto dal centro fetta per fetta fino alla crosta che è così golosa!!! 🙂

  10. Gianluca ha detto:

    @pdptlp: siamo sicuri? Io non mi fiderei lo stesso … E tu, un po’, non ci eri cascata? 🙂

    @roselia: come Captain’s Charisma sei una che va al sodo. La crosta mi sa è indice che sei una persona concreta.

  11. stark ha detto:

    Beh, non ci vuol tanto, quello che affetta metodicamente la pizza è un tipo metodico, quello che fa i tagli arruffoni è arruffone. Comunque di’ al tuo amico che io intaglio metodicamente i bordi della mia pizza in forma di vulva femminile, dopodiché ci tuffo dentro la faccia tenendo le mani dietro la schiena. Vediamo cosa ti dirà (ha ragione).

  12. Papà Volontario ha detto:

    Secondo me il tuo amico ci ha preso forse con te, ma per gli altri dubiterei (ma se vuoi, glielo lasciamo credere). Io per esempio mangio la pizza prima dall’esterno solo perché così mi rimane la parte centrale più buona alla fine, che gusto ancora calda perché quando c’è da mangiare non cincischio …

  13. tasti ha detto:

    Di solito, come filosofessa, taglio a spicchi e mangio con le mani, che direi che è il modo più sano per gustare il tutto: primi morsi al morbido centro, si conclude con il croccante, si ricomincia con lo spicchio successivo. direi che io e filosofessa siamo due persone che amano gustare la vita. E se il tuo psicologo la pensa in modo diverso….consiglio un master in pizzologia!

  14. Gianluca ha detto:

    @Stark: beh il tuo caso mi sembra “edipico”

    @Papà volontario
    : penso anch’io di esser stato frainteso. Si tratta di uno scherzo, che però qualche fondo di verità c’è l’ha.

    @Enrico/Babilonia: stringiamoci la mano

    @Tasti
    : master in pizzologia?! Perchè no! 🙂

  15. cinzia ha detto:

    Io sono molto precisa nel tagliare e poi mangiare la pizza!!! Peccato che lascio intatto il bordo…infatti mi divoro solo l’interno!!!!!
    Sono da ricovero immediato!!!!!

  16. Roberto ha detto:

    OK, ciao a tutti, sono Roberto, l’autore originario della baggianata. Mi fa molto piacere che Gianluca vi abbia divertito. In effetti si tratta di uno scherzo, ma… ATTENZIONE! Le donne ci giudicano proprio così al nostro primo appuntamento! Qundi, seguire i precetti seguenti:
    1) tenere le braccia signorilmente appoggiate alla tavola;
    2) Fissarla negli occhi, rapiti dai suoi discorsi, anche se le pupille cadrebbero volentieri altrove;
    3) Inforcare lentamente il cibo e portarlo all’altezza della bocca (non come faccio io, con la bocca all’altezza del piatto, curvo in avanti come una bestia!);
    4) Quando si brinda bisogna fissarsi negli occhi (perché? Boh!).

  17. Laura ha detto:

    Ciao!
    volevo solo comunicarti che da oggi cambio “casa” e mi trovi qui http://www.angolidime.blogspot.com/

    a presto, spero!
    bacio

  18. Andrea ha detto:

    Uhm
    Io mangio a partire dal centro, scarto i bordi, ma non sempre… taglio con la rotella a pezzi piccoli, oppure con le mani a pezzi grossi… oppure la arrotolo e la ingoio intera come gli struzzi.
    Schizofrenia conclamata? 😀

  19. filippo ha detto:

    Allora, dipende da dove sono con chi sono.
    Se sn a casa da solo, mi metto in pantofole davanti al televisore e la sgranocchio prendendola cn le mani..

    Se sono a cena cn un amico la mangio con disinvoltura e senza prestare troppa attenzione
    alla velocità cn cui la mando giu..

    Se sono a cena cn una ragazza o cn il mio capo sto attento un po a tutto il contorno..

    Cmq di solito la taglio a fette e la mangio in senso orario a partire dalle ore 6

  20. Francesco ha detto:

    Innanzi tutto la pizza dev’essere tipo napoletana, soffice ed un po’ alta! Di solito la taglio a fette e, a secenda della compagnia, la mangio con le mani o con coltello e forchetta. Nel secondo caso inizio a tagliare fette sempre più sottili, e poi le arrotolo su se stesse… insomma ogni boccone ha parte di centro e cornicione!! Ovviamente le fette sono molto precise…

  21. Simone ha detto:

    Bello! ma non è una cosa nuova. Fa parte delle infomazione del famoso test Myers-Briggs.
    Es se durante il secondo mangi prima la bistecca e poi le patate, anzi che fare un po’ per uno, probabilmente sei un SJ
    Provare per credere.

    http://en.wikipedia.org/wiki/Myers-Briggs

  22. Milena ha detto:

    Anche se un pò bruciaccchiata nel bordo, la pizza raffigurata in fotografia mi ha fatto venire un gran voglia di mangiarne una! Facendo tagli non regolari, come viene viene. Ansiosa? si lo ammetto nel mio caso questa teoria è azzeccatissima. Ciao ciao

  23. Gianluca ha detto:

    @Cinzia: quale ricovero? Sto pensando invece che questo post è da “ricovero”!

    @Roberto: hai visto cosa hai scatenato? Ora ti tocca prendere in esame tutti questi modi di mangiare la pizza e creare dei possibili profili …

    @Laura: grazie, ho già aggiornato il link e i feed

    @Andrea: l’importante è non abbuffarsi troppo e non scottarsi la lingua.

    @Filippo: la tua descrizione è quella più interessante. E’ vero, ci sono modi diversi a seconda dei contesti. Prendi anche spunto dei consigli di Roberto.

    @Francesco: originale il rotolo con il cornicione

    @Simone: ci hai aperto un universo nuovo. Ho sbirciato Myers-Briggs e mi sembra molto interessante …

    @Milena: la foto l’ho scelta a posta. Ansiosa. Sei sicura che non si tratti di auto-suggestione? Forse c’è un effetto “oroscopo”, si rimane influenzati ….

  24. bangiu ha detto:

    Ciao Gianluca!!!
    io quando mangio la pizza (tagliata grossolanamente a spicchi, arrotolati partendo dalla punta fino alla crosta e poi addentati con “ferocia”) all’80% delle volte “sbrodolo” col pomodoro… eppure non mi considero una pasticciona… forse sono solo un tipo pazzerello?
    😉

    Comunque non sono andata via, sono solo piu latitante… ma ci sono!

    un abbraccio!

  25. Pawel ha detto:

    Ciao Giangi, chissà cosa direbbe l’amico psicologo osservando me quando prendo una pizza! Inizio con le posate, continuo tenendo le fette con le mani e… lascio quasi sempre il bordo, perchè per me è sempre troppa, e se devo lasciarla in parte preferisco lasciare il bordo.
    La taglio tutta a fette precise, quando arrivo a metà pizza lascio il bordo e… se c’è spazio, alla fine mangio anche il bordo lasciato.

    Però… interessante, oltre alla grafologia si scopre anche la… PIZZOLOGIA!

    Pawel

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: