“Messaggi io”: teoria e pratica

Chi fa il genitore, sa quanto spesso si cade nella frustazione di ripetere le stesse cose ai propri figli: “Lavati i denti!”“Non toccare, che è sporco!”“Ricordati di metterti le ciabattine” “Rimetti a posto i libri”. Sembra che i nostri figli non ci ascoltino.

Solo dopo la “sgridata” o “arrabbiatura”, si riesce ad ottenere qualche risultato, ma è solo temporaneo.

Un trucco, letto da un libro, afferma che per risolvere questo problema è necessario l’uso dei “messaggi-io” al posto dei “messaggi-tu”.

“Penso che se non ti lavi i denti, rimarrano nella tua bocca degli animaletti piccolini-piccolini che ti faranno diventare i dentini neri-neri“.

“Non sono contento che ti sporchi le mani, potresti prendere qualche piccolo virus che ti farà venire male al pancino”

Nei “messaggi io”, la frase parte dal pronome io, invece che dal pronome tu ed hanno il vantaggio di partire dal proprio punto di vista comunicandolo con più chiarezza al bambino.

Nei “messaggi tu” invece, il genitore si limita a puntare il dito e a dare comandi.

Ho iniziato questo accorgimento da poco: il risultato è finora scadente. Forse perchè siamo ancora all’inizio.

Mi sento ridicolo e mi rendo conto anche di perdere la mia posizione autorevole di genitore.

Anche mia moglie non è tanto ottimista …

“Tentar, però, non nuoce”

Annunci

6 Responses to “Messaggi io”: teoria e pratica

  1. Chiaroscuro ha detto:

    Per me i tuoi bimbi leggono il blog e ti fregano 🙂

  2. Beppone ha detto:

    ahahahaha chiaroscuro ha ragione secondo me..
    Non so l’età dei tuoi.. la mia ha 3 anni e a volte per convincerla bisogna usare il IO TE LE DO!! :D…

  3. Gianluca ha detto:

    Sospettavo che tra dire e il fare … c’è di mezzo il mare.
    In questo caso ci troviamo di fronte un oceano.

  4. ScriptaVolant ha detto:

    ti dirò come va a me e tiremo un bilancio

  5. Arianna ha detto:

    Ma sul libro c’è scritto se funziona anche con i mariti?

    “Penso che se non la smetti di lasciare i vestiti sparsi per la casa, rimarrai presto senza calzini perché si rifiuteranno di andare dentro al portabiancheria da soli“.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: