Il Gabbiano Jonathan

Al mare, ho imparato a stare dove non si tocca.

Non so nuotare bene, non ho fatto corsi di nuoto. Ho imparato a nuoticchiare da auto-didatta.

Ho sempre avuto il pensiero che mi succedesse qualcosa: la puntura di una medusa, un crampo, un malore improvviso, un’onda fuori posto che mi travolge.

Quest’anno, ancora non so perchè, ho voluto superato questo blocco.

E nonostate resti un fifone, mi è sembrato in certi momenti di volare, come il famoso gabbiano.

Annunci

3 Responses to Il Gabbiano Jonathan

  1. Beppone ha detto:

    Che bella sensazione… fantastico.. avevi i braccioli di Nemo per caso 😉

  2. Gianluca ha detto:

    No, ma ho provato anche con quelli 🙂

  3. Antonio Pulice ha detto:

    Se mi permettete …RIMANETE A CASA se avete così paura di inciampare in un tombino aperto giustappunto di fronte alle scale di casa!!!
    Il mare, lo sapeva anche Ulisse, è pieno di pericoli: ma chi non sà, ancora oggi, che l’80% degli incidenti succede fra le pareti domestiche???
    Consiglio??? Chi non risica …non rosica!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: